indietro

Chi siamo

We’re one of the most experienced tour operators in Poland. Having been in the business for over 30 years, we gained in-depth expertise in organising domestic and multi-country group tours. Among other things, we arrange holiday stays and cultural trips as well as take care of accommodation, transportation and entertainment. Our mission is to serve people with quality, unforgettable experiences and unique emotions while visiting Poland.

JAN-POL was founded in 1990 in Krakow, time when Poland was undergoing one of the most spectacular social and economic changes in its history. From the very beginning, we have run Hotel Wyspiański located in the heart of Krakow and we have been operating as an incoming tour operator, showing to the world the beauty of our country. Nowadays, we are one of the most successful companies on the tourism market. Our vision is to be the first-choice travel partner providing services in Poland. For our customers we offer a wide range of services, wrapped in our core values: passion, quality and personal approach.

0

anni di esperienza

0

lingue parliamo

0

occasioni di incontrarci ogni anno

No results found

try other programmes

-->
`

Contatto

Consiglio di Amministrazione

Paweł Bączek
CEO & Partner
Monika Bączek-Bochenek
Partner
Jan Bączek
Partner

Management team

Emilia
Ewelina
Aneta
Anna

Situazione in Polonia (aggiornamento il 06/07/2021 valido fino a nuovo avviso)

Il governo polacco sta monitorando il livello delle restrizioni e per ora il numero di nuove infezioni è considerato come in diminuzione. Pertanto l'economia sta lentamente riaprendo seguendo il piano sottostante. Le informazioni sottostanti si riferiscono alle restrizioni a livello nazionale.

Entrata e uscita dalla Polonia

Dopo l'arrivo in Polonia, la quarantena non sarà applicata alle persone che sono vaccinate o risultate negative al Covid-19. Tutti i viaggiatori provenienti dalla zona Schengen che non sono vaccinati per evitare la quarantena devono eseguire il test Covid con un risultato negativo. I viaggiatori che arrivano in Polonia da fuori dell'area Schengen saranno mandati a una quarantena di 10 giorni che potranno abbreviare dopo aver ottenuto un risultato negativo del test Covid non prima di 7 giorni dopo aver attraversato il confine. Ci sono le stesse regole per tutti i mezzi di trasporto, compresi i trasporti pubblici e individuali, così come per tutte le persone che attraversano il confine a piedi. I test non sono finanziati pubblicamente. I bambini sotto i 12 anni che viaggiano sotto la supervisione di adulti vaccinati contro il COVID19 non saranno messi in quarantena.

Voli

A partire dal 29 luglio 2020, i voli internazionali dagli aeroporti situati sul territorio dell'Unione Europea sono stati ripresi. Ai turisti che attraversano la frontiera della Polonia con il trasporto organizzato può essere chiesto di sottoporsi alla quarantena obbligatoria di 10 giorni. Il traffico ferroviario internazionale è stato ripristinato entro i confini interni dell'Unione europea. Tuttavia, i viaggi con treni internazionali verso destinazioni al di fuori delle frontiere esterne dell'UE sono ancora sospesi.

Trasporto privato

100% dei posti e con la disinfezione dopo ogni viaggio. Indossare le mascherine durante il viaggio è obbligatorio.

Negozi

I centri commerciali, i negozi di bricolage e di mobili sono riaperti a condizione di operare in un regime sanitario rigoroso, con un limite di 1 persona per 10 m2. Farmacie, punti di servizio, panetterie, mercati edili e negozi di alimentari sono aperti con un numero limitato di clienti.

Alberghi

Gli hotel sono aperti con un limite di capacità del 75% . Il limite non si applica alle persone completamente vaccinate contro il COVID-19 e ai gruppi organizzati di bambini e adolescenti di età inferiore ai 12 anni.

Ristoranti

Ristoranti, pub, bar sono aperti a condizione di operare in un regime sanitario rigoroso ad un massimo del 75% di capacità, compreso il mantenimento di una distanza di sicurezza tra i tavoli e il rispetto del limite del numero di persone per tavolo. Il limite non include le persone vaccinate contro il COVID-19.

Cultura

I musei e le gallerie d'arte sono aperti a condizione di operare in un rigoroso regime sanitario, con un limite di 1 persona per 10 m2 I cinema, i teatri, le opere, le filarmoniche sono aperti e devono operare in un rigoroso regime sanitario a non più del 75% di occupazione.

Trasporto pubblico

I tram e gli autobus nelle città funzionano con 100% dei posti disponibili. Sono disponibili voli nazionali e collegamenti ferroviari. Anche in questo caso le mascherine sono obbligatorie su tutti i mezzi di trasporto sopra indicati.

Informazioni generali

E' obbligatorio coprire il naso e la bocca nei negozi, nei musei, sui mezzi di trasporto pubblici e in tutte le aree chiuse e all’aperto. È obbligatorio mantenere la distanza di 2 metri l'uno dall'altro e coprire il viso. Un certo regime sanitario (come la disinfezione) si applica in tutti gli ambienti sottostanti. Si raccomanda di non uscire di casa se non per un motivo di salute o di lavoro. Si consiglia di lavorare da casa.

Vita sociale

Dal 6 giugno, fino a 150 persone potranno partecipare a eventi e riunioni, all'aperto, al chiuso o in aree gastronomiche . Il regime sanitario sarà ancora applicato. Questo numero non comprende le persone vaccinate contro il COVID-19. Il limite si riferisce anche a night club, discoteche e altri locali da ballo Fiere, esposizioni, congressi e conferenze possono essere tenuti solo con un limite di 1 persona per 10 m2

it_ITItalian